Separazioni e divorzi di fronte all'Ufficiale di Stato Civile

TORNA ALLA MODULISTICA

 
Con l'entrata in vigore del decreto legge n. 132/2014 convertito con modificazioni nella legge n. 162/2014, in alternativa alle procedure giudiziali previste dal codice civile in caso di separazione, e dalla legge 898/1970 in caso di divorzio, è possibile per i coniugi che intendano separarsi o divorziare consensualmente negoziare tra loro un accordo con l’assistenza di almeno un legale per parte o se sussistano determinate condizioni, sottoscrivere tra loro un accordo di separazione o di divorzio innanzi all’Ufficiale dello Stato Civile.

Sia l’accordo raggiunto a seguito di negoziazione assistita da avvocati, sia l’accordo sottoscritto innanzi all’Ufficiale dello Stato Civile sono equiparati ai provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, e/o di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Separazioni e divorzi con l'assistenza dell'avvocato

L’art. 6 della legge n. 162/2014 prevede, a decorrere dall’11/11/2014, la convenzione di negoziazione assistita da almeno un avvocato per parte per le soluzioni consensuali di separazione personale, di divorzio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Restano invariati i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio (tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi).

La procedura prevede che l’accordo debba essere munito di nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica:

  • in assenza di figli minori

  • in presenza di figlio maggiorenne autosufficiente non portatore di handicap grave


La procedura prevede che l'accordo debba essere munito di un’autorizzazione rilasciata dalla Procura della Repubblica (previa valutazione dell’interesse dei figli):

  • in presenza di figli minori

  • di figli maggiorenni portatori di handicap grave

  • di figli maggiorenni non autosufficienti



Gli avvocati delle parti interessate, una volta ottenuto il nulla osta o l’autorizzazione da parte del P.M. dovranno trasmettere l’accordo entro 10 giorni al comune di:

  • Celebrazione del matrimonio in forma civile

  • Celebrazione del matrimonio in forma religiosa

  • Trascrizione del matrimonio celebrato all’estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero)

Potrà essere inoltrato da entrambi gli avvocati un unico accordo munito del prescritto nulla osta o autorizzazione da parte del P.M.

L’accordo, previa apposizione della firma digitale dell'avvocato, dovrà essere inoltrato a questo comune, via pec, al seguente indirizzo: comune.fano.statocivile@emarche.it


Separazione e divorzio innanzi all'ufficiale di Stato Civile

L’art. 12 della legge n. 162/2014 prevede, a decorrere dall’11/12/2014, la possibilità per i coniugi di comparire direttamente innanzi all’Ufficiale dello Stato Civile del comune per concludere un accordo di separazione, di divorzio o di modifica delle condizioni in essere.

L’assistenza degli avvocati difensori è facoltativa.

Tale modalità semplificata di separazione e/o divorzio è resa disposizione ai coniugi a condizione che non vi siano figli minori o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti e, a condizione che l’accordo non contenga patti di trasferimento patrimoniale.

Al fine di promuovere una maggiore riflessione sulle decisioni in questione, è previsto un doppio passaggio dinanzi all’Ufficiale di Stato Civile, a distanza di non meno di 30 giorni l'uno dall'altro.

Competente a ricevere l’accordo è il comune di:

  • iscrizione dell’atto di matrimonio ( vale a dire il comune dove è stato celebrato il matrimonio)

  • trascrizione dell’atto di matrimonio celebrato con rito concordatario/religioso o celebrato all’estero

  • residenza di uno dei coniugi.

Restano invariati i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio (tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi, oltre alle altre ipotesi previste dalla legge n. 898/1970).


 

E' possibile per i coniugi fissare un appuntamento presso l'ufficio di Stato Civile ai seguenti numeri telefonici:

0721.887263 – 0721.887232
dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00

I coniugi dovranno presentarsi all'Ufficiale di Stato Civile con le dichiarazioni sostitutive di certificazione ( da scaricare ) già compilate e firmate, accompagnate dalla copia di un documento di riconoscimento in corso di validità.

 

Ufficiale di Stato Civile responsabile dei procedimenti:

Direttore servizio di stato civile: Bucciolini Lorena

Dirigente del Settore: Dott.ssa Lué Verri Daniela


A conclusione dell’accordo, dovrà essere corrisposto al Comune un diritto fisso - pari ad € 16,00 - (da corrispondere ai sensi dell'art.12 del d.l. n.212 del 12.09.2014, convertito nella legge 162 del 10.11.2014)

Il pagamento potrà avvenire – a scelta - con una delle seguenti modalità:

  • in contanti presso l'ufficio economato (apertura dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle 12)

  • versamento sul C/C postale 13474614 intestato a Tesoreria Comune di Fano indicandone la causale

  • bonifico bancario intestato a Comune di Fano indicandone la causale. Coordinate bancarie IT20V0614524310000000000003