lunedì, 13-03-2017 13:05

Il Flauto magico al Teatro della Fortuna.


un'attrice

Si è svolta questa mattina, al Teatro della Fortuna, la conferenza stampa di presentazione di DIE ZAUBERFLÖTE (IL FLAUTO MAGICO), nuova coproduzione della Rete Lirica delle Marche che vede coinvolti i Teatri di Fano, Ascoli e Fermo.

Presenti: Gaetano d’Espinosa, direttore d’orchestra; Francesco Calcagnini, regista; il CAST dell’opera; Catia Amati, Presidente Fondazione Teatro della Fortuna; Luciano Messi, Sovrintendente dell’Associazione Arena Sferisterio di Macerata che coordina la produzione; Alessio Vlad, consulente artistico della Rete Lirica delle Marche. Inoltre alcuni rappresentanti dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana e del Coro del Teatro della Fortuna ‘M. Agostini’,  il maestro del coro Mirca Rosciani, gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Urbino che hanno curato scene, costumi, luci e video.

 

L’opera, che sarà in scena venerdì 17 marzo alle ore 20.30 e domenica 19 alle 17.00, si avvale della presenza di un cast internazionale di giovani di alto livello, che vantano esperienze nei maggiori teatri italiani ed esteri. Una scelta precisa della Rete Lirica delle Marche che ancora una volta opta per un’operazione di valorizzazione di giovani talenti. È tedesco Sarastro, Bastian Thomas Kohl; Matteo Desole vestirà i panni di Tamino; Pamina invece è affidata all’australiana Kiandra Howarth; alla georgiana Sofia Mchedlishvili è affidato il ruolo di Regina della Notte. Papageno e Papagena saranno Mattia Olivieri e Diletta Rizzo Marin, mentre Andrea Giovannini vestirà i panni del malvagio Monostatos. Inoltre: Carlo Feola (Oratore/I Sacerdote), Emanuele Bono (II Sacerdote/ I Armigero), Jinkyung Park (Prima Dama), Beatrice Mezzanotte (Seconda Dama), Sara Rocchi (Terza Dama), Giacomo Medici (II Armigero). I tre fanciulli, preparati dal maestro Gian Luca Paolucci, sono: Ilenia Silvestrelli, Caterina Piergiacomi ed Emanuele Saltari.

Sul podio Gaetano d’Espinosa, uno dei migliori talenti della nuova generazione di direttori d’orchestra italiani, dirigerà la FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana e il Coro del Teatro della Fortuna “M. Agostini” preparato da Mirca Rosciani.

Ad un anno da Il barbiere di Siviglia, continua la fortunata collaborazione della Rete Lirica delle Marche con l’Accademia di Belle Arti di Urbino. Gli studenti di  Francesco Calcagnini, regista dell’opera, hanno lavorato per realizzare l’allestimento, curando scenografie, costumi, luci e videoproiezioni. “L’opera ci è apparsa fin da subito uno speciale racconto di formazione”, scrive lo stesso regista nelle note, “e lo spazio della scena pensato e interpretato come una wunderkammer pedagogica. Una camera oscura in cui si rivela l’immagine di un rito di passaggio. Il nero è il colore di questa stanza, di ombre e luci. Dove la luce riesce ad abbagliare solo il contorno dell’azione lasciando in un mistero preoccupante tutto quello che non è in luce”.  La vicenda si sviluppa in uno scenario atemporale, non legato alla contemporaneità e neanche alle coordinate filologiche del 1791, anno in cui l’opera è stata composta.

Come in una favola abbiamo sviscerato gli accadimenti, cercandone paura e dolcezza che incredibilmente la musica trattiene ed emana senza mai scostare la barra da questa rotta.”

 

L’opera

Die Zauberflöte (Il flauto magico) è un singspiel in due atti composto nel 1791 da Wolfgang Amadeus Mozart su libretto di Emanuel Schikaneder; è una favola buffa intrisa di simbolismo, personaggi magici e culti esoterici. Si svolge nell’antico Egitto ed è caratterizzata da un'alternanza di riferimenti al giorno e alla notte. Le avventure dei personaggi, sono le vicende delle ore che passano e si inseguono, della luce che diventa ombra, delle tenebre che ritornano luce. E a questi graduali passaggi corrisponde un progressivo capovolgimento di prospettiva nel ruolo dei buoni e dei malvagi, i cui poli contrapposti sono rappresentati da Sarastro e dalla Regina della Notte. L’opera, messa in scena per la prima volta il 30 settembre 1791 in un teatro di periferia,  ebbe uno strepitoso successo popolare che continua ancora oggi .

 

Info e botteghino

Biglietti da € 5,00 a € 50,00, riduzioni per giovani fino a 26 anni;

Botteghino Teatro della Fortuna, p.zza XX Settembre 1, Fano (PU), aperto dal mercoledì al sabato 17.30 - 19.30, mercoledì e sabato anche 10.30 – 12.30. Nei giorni di spettacolo: feriali 10.30-12.30/ 17.30 inizio spettacolo, festivi: 10.30- 12.30/ 15.00 – inizio spettacolo. Info: 0721 800750 / 0721 827092, botteghino(at)teatrodellafortuna.it, www.teatrodellafortuna.it, FB > Teatro della Fortuna.

 

Biglietterie online

I biglietti si possono acquistare anche dal sito www.vivaticket.it o dal sito www.liveticket.it.