giovedì, 11-05-2017 17:45

2 milioni di euro per l'economia del mare.


il tavolo della conferenza stampa

Il GAC (Gruppo Azione Costiera) Marche Nord diventa operativo, erogando finanziamenti a supporto dell’economia del mare, del turismo costiero, della gastronomia e dell’innovazione. Dopo l’approvazione da parte della Regione Marche del “Piano di Azione del Flag Marche Nord” e la conseguente assegnazione di risorse europee per 1,3 milioni di euro a valere sul “Fondo europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca” (a cui si aggiungono 700mila euro di cofinanziamento dei soggetti privati), verranno avviate le prime azioni per valorizzare, creare occupazione e promuovere l’innovazione in tutte le fasi della filiera dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura, ma anche per un raccordo tra costa ed aree interne e relative produzioni. Il tutto a partire da bandi rivolti al settore pubblico e privato: i primi due riguarderanno l’innovazione nella filiera della pesca ed il miglioramento delle zone di vendita lungo la costa, seguiti da un terzo bando per eventi e manifestazioni legati alla valorizzazione della pesca.

Se ne è parlato in una conferenza stampa a cui hanno partecipato il presidente Gac Marche Tarcisio Porto, il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino (ente capofila) Daniele Tagliolini e rappresentanti degli altri soci pubblici e privati: Provincia di Ancona, Comuni di Gabicce Mare (presente il sindaco Domenico Pascuzzi), Pesaro (assessore Antonello Delle Noci), Fano (sindaco Massimo Seri), Mondolfo (assessore Lucia Catalani), Senigallia (assessore Chantal Bomprezzi), LegaCoop Marche (LegaPesca), Associazione nazionale delle imprese della pesca e dell’acquacoltura (Impresapesca Coldiretti), Associazione produttori pesca Adriatica, Associazione produttori pesca Misa, Associazione Vongolai Fano, “Organizzazione produttori pesca Fano, Marotta, Senigallia”, “Sena Gallica soc. coop”, Banca Suasa BCC, BCC Fano, Credito Valtellinese.

“Tra le azioni che verranno avviate – ha spiegato il presidente GAC Marche Nord Tarcisio Porto – ci sono il supporto alla commercializzazione e innovazione del pescato, eventi per valorizzare la filiera della pesca, realizzazione di mercati innovativi della pesca nelle zone portuali, progetti integrati tra turismo e offerta gastronomica sulla fascia costiera in collaborazione con operatori del turismo e della pesca, collaborazione tra produttori agricoli e pescatori per un paniere di prodotti costa – entroterra, supporto agli enti locali

per la valorizzazione turistica dei borghi marinari. Stiamo inoltre predisponendo 3 progetti Italia – Croazia per rafforzare l’offerta turistica legata al mare nelle due coste e lo scambio di produzioni ittiche”.

“La grande sfida – ha detto il presidente della Provincia di Pesaro e Urbino Daniele Tagliolini – è stata mettere a sistema il lavoro già fatto. Il GAC Marche Nord è stato tra i primi in Italia a unire pubblico e privato, creando anche sinergie tra costa ed entroterra sull’innovazione e trasformazione dei prodotti. Verranno messi in campo progetti innovativi a supporto di amministratori e privati, anche per intercettare altri fondi europei”.