giovedì, 03-08-2017 13:11

Firmato patto tra Fano e Pesaro su grandi temi comuni.


le due giunte insieme

Un'alleanza strategica sui grandi temi, oltre che sul piano politico, per dare vita ad esperienze virtuose da suggerire anche ad altre realtà marchigiane. Questa mattina, dopo una riunione congiunta delle due Giunte, i sindaci di Pesaro Matteo Ricci e di Fano Massimo Seri hanno firmato un documento nel quale si indicano obiettivi, progetti, iniziative che le due amministrazioni intendono sostenere e realizzare in modo unitario nell’ambito di una strategia condivisa di politica territoriale. Insomma, bando alla rivalità storica tra le due città e alla competizione campanilistica, ma reciproca volontà di lavorare su obiettivi che uniscono. “Vogliamo rilanciare una visione d’insieme su alcuni temi, - ha detto il sindaco Ricci – dopo che l’inizio di legislatura ci ha visti impegnati a gestire una riforma sanitaria con qualche divergenza. Abbiamo una grande responsabilità, come seconda e terza città delle Marche, a livello provinciale e regionale, e quindi dobbiamo caricarci dei problemi del territorio”. Quali sono dunque questi temi? Il sindaco Seri ne ha indicati alcuni: una variante alla statale 16 Adriatica che unisca Pesaro e Fano e precisamente dall’interquartieri a Belgatto (ricollocando i 20 milioni del mancato casello di Fenile ed i 30 della Regione Marche per opere viarie relative al nuovo ospedale di Muraglia), l’arretramento della ferrovia cogliendo il fatto che Rfi sta riprogrammando la linea Bologna-Bari, alla luce delle difficoltà di transito dopo Cattolica, il completamento della Fano-Grosseto con eventuale prolungamento a Pesaro, una programmazione e promozione annuale a livello turistico culturale incentrata su Rossini a Pesaro e sul carnevale a Fano. “Fano e Pesaro – aggiunto Matteo Ricci – spingono gli investimenti, diventando leader nei lavori pubblici con investimenti per centinaia di milioni di euro nelle infrastrutture, nella sanità, nei progetti europei”. “E’ un fatto storico, che ha una valenza politica ed economica visto che si annuncia una pioggia di milioni che dovrebbe ridisegnare le due città unite per i prossimi 200 anni” ha concluso il sindaco di Fano Seri.