martedì, 03-07-2018 08:15

ALLA MEMO TORNA LA RASSEGNA MEMORABILIA


Memorabilia – rassegna curata da Rapsodia - Musica, libri, scrittori Emiliano Visconti e promossa dal Comune di #Fano Assessorato alle #Biblioteche - arriva alla sua terza edizione. E il suo sottotitolo che diremmo più che azzeccato: nelle due prime edizioni il segno è stato aver ospitato autrici che pochi mesi dopo hanno vinto il Premio Campiello.

Se la prima edizione fu caratterizzata dalla presenza femminile nella letteratura e la seconda raccontava gli intrecci tra letteratura contemporanea e grandi classici del passato, la terza edizione si apre richiamandosi espressamente a quella dello scorso anno che aveva come immagine grafica Moby Dick che saltava sopra le acque.

Ed è proprio da Moby Dick che si riparte affidando la narrazione del capolavoro di Melville a Roberto Mercadini, monologhista e poeta romagnolo, per altro da poco in libreria col suo primo strabiliante romanzo Storia Perfetta dell’Errore. Il 5 luglio, nel giardino della Mediateca Montanari di Fano, Mercadini spiegherà che «Moby Dick non si può narrare, "sebbene molti abbiano tentato” (per citare Melville). Che può farne, allora, un narratore (e nel tempo d’una narrazione)? Può almeno far brillare alcuni frammenti incandescenti; far intuire, per sintesi, l’intera luce, l’intero calore del magma.»

Il 12 luglio sarà la volta di un’esordio "in casa”, per Cesare Sinatti che presenterà il suo primo libro La splendente. Si potrebbe dire da un capolavoro all’altro questo passaggio che ci porterà da Melville direttamente al padre dei padri, ovvero ad Omero, o forse più in generale laddove la letteratura nasce, tra miti di divinità ed eroi, riattulizzandone le storie e riscrivendole con la sensibilità dell’oggi, ancora oggi pronti a parlarci di questo noi, che ci accomuna da sempre come esseri umani.

All'oggi vero e proprio ci porta invece, il 19 luglio, Veronica Raimo col suo romanzo Miden, a un oggi leggermente distopico, perfino utopico se guardato da una certa prospettiva. Questo mondo è racchiuso nella città di Miden. In questa città di "valori utopici volti al bene della cittadinanza” irrompe un elemento destabilizzante. Un’accusa di violenza e le dinamiche che essa innesca diventano il mondo esplorato dalla Raimo. Cos’è una coppia oggi? Come si muovono i ruoli al suo interno? Come tutti i romanzi che si rispettino sono le domande che contano, che muovono dubbi e pensieri e non le risposte che agli scrittori non spettano.

L’ultimo incontro vede protagonista uno scrittore da Fano molto amato. Il 26 luglio, a chiudere questa terza edizione, Memorabilia ospiterà Fabio Stassi da poco in libreria col suo ultimo titolo per Sellerio: Ogni coincidenza ha un’anima è il suo titolo. A tornare in scena è Vince Corso, già protagonista del precedente libro dello scrittore pendolare; Vince Corso questa volta è chiamato a svelare l’enigma che si cela dietro un labirinto di volumi. «Un autentico inno alla lettura e alla letteratura» lo definisce Ermanno Paccagnini, e come poteva chiudersi diversamente un’edizione che esplora la letteratura nella sua storia e nella potenza del suo narrare?

Ogni giovedì sera di luglio, alle 21.30, al fresco dei giardini della Mediateca Montanari per scoprire quale segni lascerà questa nuova edizione di Memorabilia!